Startup: ulteriori chiarimenti dal Fisco e dal MISE


In tema di startup, fornite precisazioni sull’imposta di bollo per la vidimazione dei libri sociali e sul termine ultimo per il deposito della attestazione di conferma dei requisiti essenziali (Agenzia delle Entrate – Risposta 17 luglio 2019, n. 253 e Ministero dello Sviluppo Economico – Circolare 15 luglio 2019, n. 3722/C).

Le società Start-up innovative e gli incubatori certificati beneficiano dell’esonero dal pagamento dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria in relazione agli atti posti in essere per gli adempimenti relativi alle iscrizioni nel registro delle imprese. Devono ritenersi esclusi dal beneficio, pertanto, tutti gli atti e documenti per adempimenti che non riguardano la funzione di pubblicità legale del registro delle imprese. In particolare, l’imposta di bollo è dovuta in relazione alla vidimazione/bollatura dei libri sociali.
Inoltre, il Ministero dello Sviluppo Economico evidenzia che il termine ultimo per il deposito della attestazione di conferma dei requisiti essenziali per le startup, gli incubatori e le PMI innovative, deve intendersi per tutti gli obbligati indipendentemente dalle modalità di approvazione del bilancio, a scadere il prossimo 31 luglio, sospendendo pertanto ogni iniziativa intrapresa nei confronti delle società con bilancio ordinario, da approvarsi entro 120 gg.