Rottamazione-ter e il Saldo e Stralcio: slitta al 1° marzo il termine per pagare le rate 2020


Il Decreto Ristori-quater, è intervenuto nella disciplina della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e Stralcio” delle cartelle, rinviando al 1° marzo 2021 il termine per il pagamento delle rate in scadenza nel 2020, in precedenza fissato al 10 dicembre 2020 (art. 5, D.L. n. 157/2020).

Pertanto, per i contribuenti in regola con i pagamento delle rate 2019, il mancato, insufficiente o tardivo versamento di quelle in scadenza per l’anno 2020, non determina la perdita dei benefici della definizione agevolata se le stesse vengono integralmente corrisposte entro il 1° marzo 2021.


Per tale termine non sono previsti i cinque giorni di tolleranza.


Il 1° marzo 2021 è prevista anche la scadenza del versamento della prima rata del 2021 e in caso di versamenti effettuati oltre tale termine, o per importi parziali, la misura agevolativa non si perfeziona e i pagamenti effettuati sono considerati a titolo di acconto sulle somme complessivamente dovute.


L’importo da pagare è quello riportato nei bollettini contenuti nella “Comunicazione delle somme dovute” già inviate a tutti i contribuenti.